Cosa vedere a Vitòria in Brasile: breve guida turistica

Vitòria è costruita su una ripida altura che dà sulle banchine che costeggiano la stretta baia de Vitoria. ma le vie principali sono tutte a livello del litorale. I nomi delle strade lungo la spiaggia cambiano procedendo verso est dalla rodovidria, cominciando da avenida Elias Miguel, che diventa avenida Getulio Vargas, poi avenida Mal. de Moraes e infine avenida Beira Mar, ma tutto il tratto è chiamato genericamente avenida Beira Mar dalla gente del posto. Da lì, si possono prendere gli autobus che portano ai quartieri delle Spiagge: l’autobus giallo TRANSCOL 500 attraversa l’imponente ponte Terceira (terzo ponte) e porta al quartiere meridionale della città, Vila Velho, comodo per andare a praia da Costa e sito del convento da Penha, da cui si gode di un panorama spettacolare sul centro. Dal ponte stesso ci si può fare una buona idea della disposizione di Vitoria.

Da avenida Jerònimo Monteiro, la principale arteria commerciale del centro, una serie di scalinate (escadarias) conduce alla Cidade Alta, dove sono ubicati il coloniale Palacio de Anchieta, attualmente sede del governatore di stato. Poco sotto, si trova la piacevole piazza alberata Costa Pereira che è il cuore del centro storico.

All’estremità occidentale di avenida Beira Mar si trova il più antico quartiere abitato, l’Ilha do Principe, un labirinto di viuzze strette e vicoli ciechi che occupa un piccolo ma ripidissima colle dietro la mdovidrxa. Anche se non restano tracce delle abitazioni originarie, si respira ancora mi’aria d’antico che si sprigiona dalle case costruite una sopra l’altra, molte su palafitte, e immerse nel puzzo delle fognature intasate e dei cumuli d‘immondizie, È raro che i turisti vi si avventurino, ma la zona merita un giretto di un’ora per farsi un’idea della vita quotidiana di Vitoria, anche perché ospita alcuni bar locali dove potete attardarvi un po’. Tuttavia, siate prudenti, evitate di andarci di sera e lanciate gli effetti personali e gli oggetti di valore in albergo.

(Estratto tratto dalla guida turistica The rough Guide Brasile)