Canoa Quebhada e Natal: vedere le stazioni balneari del nord-est del Brasile

CANOA QUEBHADA

Canoa sta pian piano diventando famosa come Jericoacoara. è considerata la seconda stazione balneare più famosa del Ceara’, situata 170 km a sud di Fortaleza. Un piccolo villaggio raggomitolato su se stesso, inerpicato su una scogliera che domina un’immensa spiaggia, a perdita d’occhio, con dune sullo sfondo e uno splendido paesaggio di rocce rosse. Un luogo straordinario che, come Jericoacoara, fu scoperto dagli hippy negli anni Settanta del Novecento. Avevano decisamente fiuto! ln eredità, ci hanno lasciato una stella e una falce di luna in rilievo su una roccia, come un sigillo divenuto simbolo di questa Saint-Tropez tropicale in miniatura. A poco a poco il villaggio si sta riempiendo di infrastrutture e sempre più strade vengono pavimentate, cominciando dalla strada principale, ribattezzata Broadway Street. Mentre Jeri ha sviluppato uno stile bohémien, canoa è una stazione balneare che ha conservato una fisionomia acqua e sapone e che aspira risolutamente a una crescita intelligente. Il villaggio è carino, con le sue viuzze ripide, l’animazione notturna e la grande passerella a strapiombo sull’immensa spiaggia.

Natal – città balneare da visitare in Brasile

Il suo nome significa «Natale», in portoghese: le città fu fondata, intatti, proprio nel giorno di Natale del 1599. Che fantasia avevano i coloni portoghesi come Salvador, anche Natal e conosciuta da secoli per essere stata uno scalo delle imbarcazioni che attraversavano l’Atlantico. il che è logico, dal momento che si tratta del punto più vicino alle coste africane e si trova su una rotta favorevole grazie alla presenza degli alisei, che spingono le barche fino alle rive brasiliane. Sono proprio questi venti ad aver formato gli stupendi paesaggi di dune che caratterizzano la regione, e la stessa Natal e divisa in due da un’immensa duna. È una città molto estesa, ma più piccola e più piacevole di Fortaleza; a Natal, per lo meno, i palazzi sono ad un passo dalla spiaggia. Mettiamo a contronto le due città, entrambe di passaggio per accedere alle spiagge della costa nordestina: sono splendide, immense, incontaminate e spesso circondate da dune colossali.

Tratto dal libro: “Brasile: le guide routard (il viaggiatore)”